CHAT

ChatRoulette

Con grande sorpresa per molte persone, sulla rete è diventata estremamente famosa e popolare in soli pochi mesi un nuovo sito: un vecchio concetto in realtà, quello della chat, rivisitato in chiave decisamente più attuale: stiamo parlando di chatroulette. Nessuno ci aveva pensato prima, e certamente oggi tutti vorrebbero aver avuto questa semplice e divertente intuizione.
Di certo l'effetto mediatico e il successo ottenuto in un lasso di tempo tanto breve potrebbero sorprendere, come potrebbe sorprendere l'impressionante numero di "siti copia" che adesso imperversano sul web alla ricerca della stessa popolarità; ma soffermandosi un attimo per una riflessione più attenta, basta contestualizzare il fenomeno che subito i dati assumono dei contorni più, per così dire, naturali.
In effetti stiamo parlando di internet, stiamo parlando del più impressionante contenitore di informazioni mai esistito, e stiamo parlando infine di un'epoca in cui la velocità di diffusione delle idee è pari solo alla frequenza con cui esse nascono e, spesso, spariscono lasciando poche tracce.
Spesso sembra infatti di parlare di secoli orsono citando l'avvento delle chat o ancor prima dei telefoni cellulari, portando ad una rivoluzione della comunicazione senza precedenti: oggi invece, sono proprio questi i precedenti, in compagnia di tantissime altre rivoluzioni o presunte tali di cui le nuove generazione non hanno neppure mai sentito parlare o che danno per scontate.

Le ragioni del successo

Quali spiegazioni possono quindi giustificare il successo dei un'idea tanto semplice? Facendo per un attimo astrazione dalla qualità dell'idea stessa, sarebbe opportuno ancora una volta prendere in giusta considerazione il terreno, l'humus in cui questo seme è stato gettato.
Il popolo degli internauti, soprattutto dei teenager, è composta da utenti che divorano le novità, e richiedono stimoli sempre nuovi, idee sempre innovative, sempre più velocemente, consumandole e stancandosene spesso ancor prima di averle conosciute o sfruttate a pieno. Siamo in un terreno in cui attecchire è facile così come marcire, e la validità o la qualità di un'idea, più che sul valore intrinseco, si valuta esclusivamente in base alla presa che essa ha sul popolo di internet.
Il potenziale del web è sempre più sorprendente, e ogni giorno lascia spazio a giovani e fervide menti per mettere a frutto il proprio ingegno. Purtroppo è altrettanto vero che nella maggior parte dei casi queste "invenzioni" vanno in direzione di un accrescimento ricreativo, o comunque l'iniziale direzione culturale viene poi gioco forza deviata verso i gusti della massa.
Anche Chatroulette non fa eccezione, affermandosi come ultima moda delle chat, ma come è chiaro dalle statistiche, l'uso non è propriamente edificante.
È pur vero, in fondo, che gli spazi per una ricreatività costruttiva sono oggi ridotti all'osso, e le ore da poter destinare allo svago si riducono drasticamente. Che ben venga, quindi, chatroulette, un po' in nome del comune desiderio di evasione, per aiutarci un po' ad immaginare che basti un click per "saltare" da un posto all'altro del mondo in pochi secondi... e un po' per farci credere che anche nella realtà, e sarebbe proprio bello, basterebbe un tasto, un "next", per cliccare via una persona!

© 2006-2010 - Grafica e layout sono di esclusiva proprietà di e Chat realizzati in xHTML 1.0 Strict.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons.